ATTIVITA’ UICI LODI – 2022

Le emozioni dell’arte al buio diventano un audiolibro

È incredibile pensare come la mente umana quando manchi la vista esalti ancora di più l’arte e la bellezza”. Questa è solo una delle centinaia di commenti che i visitatori della mostra “Si prega di toccare – Far sentire l’arte” organizzata dall’Unione italiana ciechi e ipovedenti (U.I.C.I.) di Lodi hanno lasciato sul grande libro bianco messo al termine del percorso di visita. Emozioni, complimenti, ringraziamenti per sensazioni mai provate che presto diventeranno un audiolibro, per permettere a tutti soci (ma non solo) di ascoltare i commenti chi, per la prima volta, si è affacciato al mondo del bello con gli occhi bendati.
La mostra – allestita nella suggestiva cornice della Banca Centropadana, Palazzo Ghisi già Sommariva e che ha ottenuto il patrocinio della Provincia di Lodi, del comune di Lodi, e della Bcc Centropadana – ha richiamato oltre 900 visitatori. Persone, molte delle quali lontane dall’universo della disabilità visiva, che hanno potuto ammirare le opere tattili anche grazie allo straordinario supporto degli studenti del Liceo Pandini di Sant’Angelo Lodigiano che si sono trasformati in Ciceroni. I visitatori, bendati, hanno così imparato a scoprire pittura e scultura non attraverso la vista ma attraverso il tatto, entrando in un mondo particolare qual è quello delle persone con disabilità visiva. “È stata un’esperienza molto bella e molto curiosa – ha scritto un bimbo sul libro bianco -. Poi quando ho tolto la benda e ho guardato l’opera era totalmente diversa da quando l’ho ‘guardata’ con le mani”.
I promotori sono molto soddisfatti dell’esito della manifestazione e ancora di più della risposta dei visitatori. “È stata un’occasione per accendere i riflettori sul tema della disabilità visiva e delle difficoltà che ogni giorno incontrano le persone non vedenti e ipovedenti – fanno sapere dal Consiglio Direttivo dell’U.I.C.I di Lodi -. Un grazie ai curatori della mostra Mario Quadraroli e Mario Diegoli, a tutti gli artisti che hanno messo a disposizione le loro opere, alla Banca di Credito Cooperativo BCC che ha messo a disposizione per l’intera durata della mostra il cortile d’onore della loro sede di Corso Roma,100, alla Direzione Scolastica e tutti gli studenti del corso ad indirizzo turistico del Liceo Pandini di Sant’Angelo Lodigiano, che con grande impegno e disponibilità, hanno accompagnato i visitatori nel loro viaggio a occhi bendati, tra le opere esposte. Un ringraziamento particolare si volontari della sezione che, hanno messo a disposizione il loro tempo, per l’intera durata della mostra e allo scultore non vedente Felice Tagliaferri che, onorando la mostra con la sua presenza e con le sue opere, ha fatto comprendere ai presenti che, la cecità non è indice di disagio sociale”.



Scoprire l’arte toccandola: ultimi giorni per visitare con le mani la mostra tattile a Lodi

Se ancora non lo avete fatto c’è tempo fino a domenica 1 maggio per visitare una mostra speciale. Una mostra dove le opere non si vedono ma si toccano. Una mostra che, nel primo fine settimana di apertura, ha richiamato oltre 500 visitatori.

Si tratta della mostra tattile “Si prega di toccare – Far sentire l’arte”organizzata dall’Unione italiana ciechi e ipovedenti (U.I.C.I.) di Lodi con il patrocinio della Provincia di Lodi, del comune di Lodi, e della Bcc Centropadana. La mostra è allestita nella suggestiva cornice della Banca Centropadana, Palazzo Ghisi già Sommariva (in corso Roma 100). L’evento, giunto quest’anno alla quarta edizione, è stato curato da Mario Quadraroli e Mario Diegoli.Una vera e propria esperienza immersiva, con i partecipanti che indossano una mascherina e vengono guidati alla scoperta delle opere d’arte toccandole.

Una sfida che in molti hanno voluto affrontare: oltre la metà dei visitatori ha deciso di provare a vivere l’arte come la vivono le persone con disabilità visiva. Accostandosi così a un modo unico e particolare di “vedere” il bello, scoprendo le 31 opere esposte non attraverso gli occhi ma attraverso le mani.
Siamo molto felici della risposta del pubblico – fanno sapere del Consiglio dell’U.I.C.I. di Lodi -. In centinaia hanno vissuto questa esperienza sotto la guida di ciceroni d’eccezione: gli studenti del Liceo Pandini Piazza”.
A conquistare il pubblico anche le sculture realizzate da Felice Tagliaferri, noto artista non vedente che ha illustrato agli studenti d’arte del Liceo Piazza come una persona con disabilità visiva si approccia all’arte diventando scultore.

La mostra è aperta tutti i giorni dalle 17 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.”

Scoprire l’arte toccandola: ultimi giorni per visitare con le mani la mostra tattile a Lodi


SI PREGA DI TOCCARE”

A LODI UNA MOSTRA TATTILE PER FAR CONOSCERE IL BELLO ATTRAVERSO LE MANI (ANCHE A CHI VEDE)

Per conoscere e vivere appieno la bellezza dell’opera c’è chi, per necessità, la deve toccare. Tastarla, sfiorarla, riprodurla nella sua mente attraverso quello che ha percepito dalle sue mani perché i suoi occhi non vedono.  In questo modo, con sensi diversi, anche lui potrà godere appieno della gioia che il bello dona.

Una mostra unica e particolare quella in programma dal 22 aprile all’1 maggio a Lodi. Nella suggestiva cornice della Banca Centropadana, Palazzo Ghisi già Sommariva (in corso Lodi 100) verrà allestita la mostra “Si prega di toccare – Far sentire l’arte” giunta quest’anno alla quarta edizione e curata da Mario Quadraroli e Mario Diegoli. In mostra oltre una trentina di opere realizzate da artisti italiani e stranieri.

Una mostra tattile organizzata dall’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti (U.I.C.I.) di Lodi con il patrocinio della Provincia di Lodi, del Comune di Lodi, e della Bcc Centropadana. Non sarà solo una mostra tattile dedicata ai visitatori non vendenti. Sarà una vera e propria esperienza sensoriale e un nuovo modo di approcciarsi all’arte rivolto anche a chi non ha disabilità visive.

A tutti visitatori verrà consegnata una mascherina con la quale potranno coprirsi gli occhi e conoscere le opere esposte attraverso il tatto. Una mostra che abbatte le barriere e che offre la possibilità di approcciarsi a un modo nuovo, non solo di conoscere e di apprezzare il bello, ma che di vivere e di affrontare tutte le difficoltà e le barriere che la vita di tutti i giorni pongono di fronte a chi non vede.

L’evento vedrà la partecipazione di guide d’eccezione: gli studenti del Liceo Artistico statale Piazza di Lodi, ciceroni del percorso tattile. I ragazzi sperimenteranno il servizio di volontariato, e allo stesso tempo, potranno fare un’importante esperienza individuale nel condividere momenti con i non vedenti.

Infine il 23 aprile lo scultore non vedente Felice Tagliaferri, amato dalla critica e dal pubblico per le sue meravigliose opere, spiegherà agli studenti del liceo Artistico Piazza come una persona non vedente realizza opere d’arte.

La mostra verrà inaugurata il 22 aprile alle 17. Sarà possibile visitarla dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19, sabato e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. L’ingresso è libero.

Se vuoi Leggere la locandina clicca su: DOWNLOAD



MA VA A L’INFER !

NO, NO… TURNAREM AMO’ A RIVED LE STELE

Risate solidali in dialetto per l’Unione italiana ciechi e ipovedenti di Lodi
Una serata in allegria per sorridere e sostenere il Comitato di Lodi dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti. Appuntamento il 26 marzo alle 21 al Teatro delle Vigne di Lodi con la commedia dialettale “Ma va a l’Infern!” portata in scena dalla Compagnia Teatrale de “Il Siparietto” di Casalpusterlengo. Lo spettacolo – una divertente commedia brillante in dialetto e in un unico atto, scritta e diretta da Marco Varone – è tratta dall’Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri. Un “nostrano Dante”, nel mezzo del cammin della sua vita, si ritrova sperduto in una selva oscura. Tra incontri inaspettati e colpi di scena, riuscirà a tornare a riveder le stelle?
Finale a sorpresa per una serata di totale divertimento e relax. La Compagnia Teatrale “Il Siparietto” è dal 2018 che collabora con l’Uici di Lodi. È composta da 12 attori, 8 tecnici e uno scenografo. Ogni spettacolo è un successo assicurato. L’evento è stato patrocinato dalla Provincia di Lodi e dal Comune di Lodi.
Il biglietto costa 12 euro. Per informazioni e prenotazioni rivolgersi alla biglietteria del Teatro delle Vigne dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19, oppure telefonando al numero 0377830126.
I fondi raccolti saranno utilizzati per le iniziative a favore dei soci e a supporto dell’attività stessa dell’UICI LODI.



Settimana mondiale contro il glaucoma

Con l’UICI di Lodi la prevenzione si fa in piazza e in classe

Non bruciare la tua vista: una visita di controllo può proteggerti dal glaucoma. Questo l’invito che l’Unione italiana Ciechi e degli Ipovedenti di Lodi,  in collaborazione con la IAPB (Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità) Italia Onlus, lanciano ai lodigiani in occasione della Settimana mondiale del glaucoma che si celebra dal 6 al 12 marzo.

Il glaucoma è una patologia che colpisce il nervo ottico e che è spesso causata dalla pressione interna dell’occhio. Una patologia che porta danni permanenti alla vista e che è la seconda causa di cecità al mondo. In Italia si stima che circa 1 milione di persone sia affetta da glaucoma, ma almeno la metà non lo sappia. Il glaucoma, infatti, nella maggior parte dei casi non presenta sintomi se non in fase avanzata quando, ormai, si ha una marcata e irreversibile perdita del campo visivo. Fondamentale la visita oculistica per diagnosticare la patologia in fase ancora iniziale. È necessario sottoporsi con regolarità a visite e controlli specialmente dopo i 40 anni e in caso di presenza di glaucoma in famiglia.

Da qui l’importanza della prevenzione. L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Lodi ha perciò organizzato una serie di iniziative di sensibilizzazione sull’importanza della prevenzione del glaucoma. In programma due banchetti in piazza: l’8 marzo a Lodi in piazza Broletto dalle 9 alle 13, e l’11 marzo a Codogno in piazza XX Settembre dalle 9 alle 13.

Ma non solo. La prevenzione e l’informazione partono dai banchi di scuola e l’U.I.C.I. ha perciò organizzato una conferenza all’Istituto Pandini di Sant’Angelo Lodigiano. L’incontro, in presenza per gli studenti e in collegamento streaming per gli studenti dell’Istituto superiore piazza di Lodi, si svolgerà il 10 marzo dalle 12 alle 13. Ad intervenire due oculisti: il dottor Riccardo Forte e il dottore Giuseppe Rizzi.

Per seguire la diretta streaming basterà collegarsi direttamente al link dell’evento: https://youtu.be/Tp-NzxQ9Nk0, oppure in alternativa è possibile accedere al canale video della scuola al link https://www.youtube.com/channel/UCaNLWiMh3rSpH3xJGIcRyDA ed effettuare l’iscrizione. Una volta effettuata l’iscrizione basterà accedere al canale il giorno della conferenza per vedere la diretta video.

Un grazie a Daniela Verdi, dirigente scolastica dei due istituti scolastici, e ai due specialisti.